Fiat

logo-fiat

Fiat, il made in Italy
che ha conquistato il mondo

Raccontare la storia della Fiat significa raccontare un pezzo della storia del Novecento italiano. Un romanzo epico che vede protagoniste le automobili (per dirne un paio la Topolino e la 600) diventate delle icone senza tempo. Veri e propri fenomeni di costume che hanno travalicato i confini nazionali.

Tutto ebbe inizio a Torino dove nel 1898 un gruppo di notabili appassionati di tecnologie meccaniche capitanati da Giovanni Agnelli fondò la Fabbrica Italiana di Automobili – Torino. Fiat, appunto. Dalla creazione del primo modello, la 4HP, alla nascita dello stabilimento del Lingotto e l’avvio della produzione di massa il passo sarà breve.

Nel 1936, in pieno fascismo, l’ingegner Dante Giacosa progetta quella che diventerà una delle vetture più famose della Casa di Torino: la 500A, ribattezzata Topolino. In questi anni vengono lanciate anche la Fiat 1100 e la sei cilindri 1500.

Ma è dopo la seconda guerra mondiale che la Fiat diventa una delle industrie protagoniste del rilancio della nazione, soprattutto a partire dagli anni ’50 quando verranno prodotte più di 400mila macchine all’anno. L’anno della svolta è il 1956 quando viene lanciata sul mercato la 600. Un’utilitaria dal prezzo competitivo, dalla buona abitabilità e dai bassi consumi, capace di raggiungere una velocità di 95 km/h. Ingredienti che ben presto la fecero diventare una delle auto più vendute della Fiat.

Due anni dopo, arriva il bis con la nuova 500 (il cosiddetto Cinquino), dal design unico e inconfondibile e ancora più economica della 600. Il suo successo, con le innumerevoli varianti che seguiranno, durerà per ben 18 anni fino al 1975, quando il marchio del Lingotto la ritirò dal mercato.

Sono gli anni del boom economico e la Fiat si amplia aprendo nuovi stabilimenti in varie parti del mondo. Escono nuovi modelli come la 127, la 128, la 131 e, sul finire degli anni ’70, la Ritmo che presenta un design completamente rinnovato. Gli anni ’80 si aprono con un altro boom di vendite, grazie alla Panda, destinata a diventare leader tra le utilitarie. Quindi la Uno, che viene svelata a Cape Canaveral e la Tipo, premiata come auto dell’anno nel 1988.

Sono tutti esempi di come la Fiat, in qualsiasi periodo storico, sia sempre riuscita a intercettare i gusti del pubblico. Ed è grazie a questo glorioso passato che ancora oggi riesce a realizzare, a prezzi accessibili a tutti, prodotti che soddisfanno le esigenze più svariate. Da quelli delle famiglie a quelli di un pubblico più prettamente giovanile. Senza rinunciare alla qualità e alle tecnologie più avanzate per ridurre i consumi. Basti pensare alle vendutissime Nuova Panda e Nuova 500, che rappresentano il perfetto mix tra comfort e prestazioni, restando sempre al passo coi tempi.

Caricando...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi